Il nuovo supereroe

BCM
foto dal Web

C’è un nuovo supereroe tra noi. La leggenda si tramanda di casa  in casa, da casalinga a casalinga, da donna a donna. C’è chi l’ha incontrato di persona, chi ne ha visto solo l’ombra e chi sogna di incontrarlo almeno una volta nella vita. C’è chi dice di non essere più la stessa persona da quando ha avuto il piacere di conoscerlo. C’è chi è scappata dal proprio marito per inseguirlo. C’è chi si mette in situazioni di pericolo per avere l’opportunità di incrociare di nuovo il suo sguardo. Una cosa pare certa: da tutti i racconti che lo riguardano si capisce come egli sia la versione evoluta de “L’idraulico”, eroe tanto decantato in passato ma che ormai è vivo solo nei ricordi di donne di una certa età.

Il nuovo supereroe abbatte le barriere del campanilismo. Egli è il frutto dei tempi moderni  della globalizzazione e della multiculturalità. Nel suo nome racchiude le svariate qualità che tutte le donne di ogni etnia desiderano.

Egli è “THE BRICOMAN”!!! (si pronuncia “De Bri-co-men” con estrema enfasi, sì come il “Me-dio-man” di  De Luigi).

The Bricoman è rapido: accorre subito al capezzale dei bisognosi (le donne rimangono sbigottite davanti a cotanta celerità).

The Bricoman è affidabile: esegue subito quanto richiesto senza numerose sollecitazioni o minacce (le donne rimangono letteralmente mute) .

The Bricoman è efficiente: utilizza il minoro numero di risorse e materiali per il maggior numero di problemi ergo, ottimo rapporta qualità/prezzo (le donne piacevolmente sorprese mentre redigono il bilancio famigliare mensile).

The Bricoman ha una risposta per ogni problema: non c’è nessuna richiesta a cui non sappia rispondere (l anche quando le donne fanno richieste irrealizzabili ed assurde).

The Bricoman ascolta: mentre lavora ascolta attivamente. Non si limita a rispondere affermativamente e meccanicamente ad ogni domanda delle donne: lui ascolta veramente e poi risponde in modo esaustivo (questa è una cosa che fa impazzire le donne).

The Bricoman è ordinato e meticoloso: è attendo a non rovinare gli oggetti e sistema tutto ciò che ha utilizzato al suo posto una volta finito il lavoro (le donne rimangono sconvolte dal non trovare la casa trasformata in un campo di battaglia dopo aver appeso un quadro alla parete della sala).

The Bricoman è calmo: mentre lavora non esterna con “viva e vibrante soddisfazione” (il Napolitano di Crozza docet) il suo vocabolario di brutte parole. E’ sereno: sa quello che fa e come risolvere gli inconvenienti che si possono presentare (alle donne non pare vero di non dover assistere a scene di isteria di un uomo che lancia epiteti verso l’oggetto da aggiustare).

The Bricoman adora la musica: ascolta tutti i generi musicali quindi si adatta all’interlocutrice (le donne sanno quanto sia raro lo spirito di adattamento di un uomo).

The Bricoman ha una voce sensuale: quando canta pare Joe Cocker in “You can leave your hat on” (le donne qui svengono).

The Bricoman è gentile ed educato:  ringrazia sempre con un sorriso (le donne dissolvono la loro acidità in un secondo di fronte alla cortesia gratuita).

The Bricoman è un cinefilo: ama i film complessi, i drammoni, quelli pesantissimi dove non si parla mai e succede qualcosa ogni due ore e mezza (le donne iniziano a pensare sia frutto della loro immaginazione).

The Bricoman legge i romanzi: sì, non solo la Gazzetta dello Sport (le donne a quel punto illuminano a giorno la loro personale libreria rimasta impolverata troppo a lungo).

The Bricoman è generoso: spiega con calma come eseguire i lavori in sua assenza (le donne a tal punto si chiedono stupite: “Mi sta spiegando senza gridare che non capisco nulla???”)

The Bricoman è sempre pronto ad andare laddove ci sia una donna in difficoltà: è sufficiente che si proietti nel cielo il suo logo e pensare al suo nome (le donne per una volta non devono gridare!).

“De Bri-co-man!!!!!!!!!!!!!!!”

PS:

Io non sono una fan di The Bricoman: non grido e non minaccio il marito se è da settimane che deve portare i sacchi che ho accumulato nel box  in discarica o se non attacca da svariati mesi il porta salviette che è crollato dalla parete del bagno. Non mi lamento nemmeno se non chiude il dentifricio con il tappo. Settimana prossima sarò in ferie quindi se riesco ad organizzarmi con il nano farò il lancio del sacco in discarica e se trovo dove ha messo il biadesivo incollerò a suon di mazzatte il porta salviette. Per il tappo del dentifricio: io uso l’altro bagno quindi i miei occhi non incrociano ogni due secondi il tubetto semi-morente con il dentifricio che si secca a contatto con l’aria.

Ora però pretendo una ola virtuale da parte di tutti gli uomini per far capire a mio marito quanto è fortunato.

Vabbè, anche se non siete d’accordo almeno fate finta, fatemi ‘sto favore!!!

7 pensieri riguardo “Il nuovo supereroe

  1. 😂😂😂😂😂ola mia già partita

    Piace a 1 persona

  2. Dimmi che non si fa pagare e diventa anche il MIO supereroe preferito!!!
    Ola fatta…

    Piace a 1 persona

    1. Non fa distinzioni né di genere, né di soglia ISEE! Ollé!!!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close